Boris Molinier 6825Boris Molinier 6825
©Boris Molinier 6825|Boris Molinier

Scoprite il fantastico Biodiversità di Saint-Gervais Mont-blanc

La flora e la fauna di Saint-Gervais

Foreste rigogliose, pascoli verdeggianti e montagne selvagge sono tutti ambienti che comunicano e si scambiano tra loro, permettendo alla biodiversità di prosperare nell’area del Monte Bianco di Saint-Gervais.La varietà di habitat offerti dal nostro favoloso ambiente favorisce la biodiversità che rende il massiccio del Monte Bianco un luogo così speciale, unico al mondo grazie alla sua ricchezza di specie animali e vegetali.

La grande fauna di montagna

Stambecchi, camosci, cervi, caprioli, cinghiali … Molte specie godono dell’ambiente ideale offerto dalla generosa natura di Saint-Gervais. Con le sue foreste variegate e ben curate, specie come il cervo, il capriolo e il cinghiale trovano un ambiente ideale per nutrirsi, ripararsi e riprodursi. Camosci e stambecchi, invece, prediligono ambienti montani aperti e scoscesi, dove il loro talento per le acrobazie in vetta può esprimersi appieno, tra barre rocciose e ripidi pendii!

Flora locale

Le montagne e i pascoli alpini di Saint-Gervais Mont-Blanc pullulano di fiori di montagna e di specie vegetali perfettamente adattate a questo ambiente estremo. Dagli inverni particolarmente nevosi e rigidi alle estati soleggiate punteggiate da temporali, la flora locale, per quanto varia, è in perfetta armonia con l’ambiente! Che si tratti dei piccoli crochi, i primi fiori che ricoprono i pascoli montani innevati in primavera, o dei rametti di génépi, che si aggrappano saldamente alle cenge rocciose lungo le pendici delle montagne, la flora locale è in perfetta armonia con l’ambiente.Saint-Gervais Mont-Blanc è il luogo ideale per scoprire la sua abbondante e sorprendente flora di montagna!

Gallinacei e piccoli uccelli di montagna

Discrete ma molto presenti sulle nostre montagne, diverse specie di Galliformi vivono fianco a fianco e condividono i diversi piani alpini di Saint-Gervais Mont-Blanc, dalle piste da sci ricoperte di rododendri e mirtilli alle rocce sospese sulle morene di Bionnassay, passando per le fitte e umide foreste della valle. È in questo ambiente montano ricco e variegato che prosperano il fagiano di monte, la pernice bianca, la pernice di Bartavelle e il gallo cedrone.

I nostri migliori consigli per... Osservare la biodiversità in montagna

Familiarizzare con l'ecosistema locale

Prima di partire per osservare la biodiversità in montagna, prendetevi il tempo di informarvi sulle diverse specie vegetali e animali che potreste incontrare nella zona. Le guide sul campo, le app per cellulari e le risorse online dedicate alla flora e alla fauna locali possono essere molto utili per identificare e conoscere meglio le specie che si incontrano.

Siate discreti e rispettate l'ambiente

Quando si osserva la biodiversità di montagna, è importante ridurre al minimo l’impatto sui fragili ecosistemi. Camminate sui sentieri designati per non disturbare gli habitat naturali. Usate un binocolo per osservare gli animali da lontano ed evitare di spaventarli. Evitate di raccogliere piante selvatiche o di disturbare gli animali. Fate attenzione a non lasciare rifiuti e comportatevi in modo responsabile per preservare la bellezza naturale della montagna.

Scegliere i tempi e i luoghi giusti

Alcuni periodi dell’anno sono migliori per osservare determinate specie in montagna. In primavera, ad esempio, si possono osservare le piante alpine in fiore, mentre in estate gli uccelli migratori sono più attivi. Inoltre, le diverse altitudini e i diversi tipi di habitat (come boschi, prati alpini e aree rocciose) ospitano specie diverse. Pianificate le vostre escursioni tenendo conto di questi fattori.

Grandi rapaci

Le montagne e gli ampi spazi aperti della regione di Saint-Gervais Mont-Blanc offrono il terreno di gioco perfetto per i rapaci di montagna. Le pareti rocciose di montagne come Vorassay e Tricot offrono ad aquile reali, poiane, gheppi e persino a gipeti e altri avvoltoi luoghi di nidificazione e riposo al riparo dai predatori. L’abbondanza di piccola fauna nei pascoli di montagna costituisce unafonte di cibo per i rapaci, facilitando il loro insediamento nel comune e assicurando la loro continua presenza, così cara alle nostre montagne!

Piccola fauna di montagna

Spesso rappresentata dalle emblematiche e intramontabili marmotte, la fauna di montagna è in realtà molto più varia!Gli ermellini, con il loro manto bianco d’inverno e marrone d’estate, sono piccoli carnivori perfettamente adattati all’ambiente montano, generalmente ostile. Anche le lepri di montagna, note anche come “blanchot“, cambiano il loro mantello a seconda della stagione, rendendosi invisibili in inverno e perfettamente mimetizzate nel resto dell’anno. Tassi, volpi, donnole, martore e scoiattoli abitano le foreste alpine, sfruttandone le ricchezze e contribuendo al loro equilibrio fin dalla notte dei tempi.

Chiudere